Vai all'Home page CittÓ
Mappa del sito Versione accessibile
Cerca:
Eventi
Vivere in Città
Arte, Cultura e Spettacolo
Meteo
Turismo
Sicurezza e emergenza
Promozione Economica del Territorio

Validato HTML Validato CSS

Leggi la news
.
Leggi la news
.
 
22-01-2016
Città di Chioggia
COMUNICATO STAMPA

Chioggia, le iniziative per la Giornata della Memoria

Il 27 gennaio si celebra nel mondo la “Giornata della Memoria”, istituita dall’ONU nel 2005. La cerimonia ufficiale alla presenza del sindaco, nel giorno dedicato al ricordo della Shoah, avrà inizio alle 10.30 con il raduno davanti a Palazzo Municipale delle autorità civili, militari, delle associazioni d'arma e dei cittadini. Alle ore 10.45 seguirà l'alzabandiera al pennone di Piazza XX Settembre e alle ore 11.00 la deposizione della corona d'alloro al Monumento ai Caduti. Alle ore 11.15 il corteo si sposterà in biblioteca civica dove verrà deposta una corona d'alloro presso la targa commemorativa delle vittime chioggiotte cadute nei lager nazisti.
L'intera cerimonia sarà accompagnata dagli studenti della sezione musicale della scuola secondaria di 1° grado "Silvio Pellico". In caso di maltempo le celebrazioni si terranno nella sala consiliare di Palazzo Municipale. La cittadinanza è invitata a partecipare.
Nel pomeriggio alle ore 18 ci si sposta all'Auditorium San Nicolò a Chioggia, per l'incontro aperto alla cittadinanza, “Come la nostra vita cambiò...”, Maria Rosa Davi e Sara Parenzo raccontano la Shoah a Padova. Le due autrici dialogheranno con i ragazzi dell'Istituto Comprensivo Chioggia 5 e con tutti i presenti, raccontando, con la loro testimonianza, storie personali e familiari fatte di bei ricordi, di affetti, di umiliazioni e brutalità. Microstorie troncate dalla Storia che si abbatte, come un macigno, su una tranquilla comunità la cui vita serena sarà spezzata per sempre.
Attraverso i ricordi della madre, Sara Parenzo, autrice de "Il posto delle capre", ripercorre la storia della sua famiglia di ebrei russi che, partiti dalla lontana Grodno alla fine dell'Ottocento, fuggendo dai pogrom e dalla rivoluzione, si stabilirono a Padova. Qui si costruirono una vita stabile e felice, ricca di successi e di soddisfazioni. Ma la Shoah venne a spezzare ogni cosa: per la nonna Ada e la piccola Sara sarà Auschwitz la fine di quel viaggio, per il nonno Elia il campo di Dachau.
Mariarosa Davi, docente di Storia e Filosofia presso il Liceo- Ginnasio Tito Livio, ha effettuato una documentata ricerca storica sulla sorte degli alunni ebrei che, a seguito delle leggi razziali del 1938, furono espulsi dall'Istituto. Frutto della sua ricerca d'archivio è la pubblicazione di "Alunni di razza ebraica: studenti del Liceo- Ginnasio Tito Livio sotto le leggi razziali" Padova, 2010. L'evento rientra all'interno della rassegna Et(n)ica, storie di popoli, culture e uomini di viaggio.