CittÓ di Chioggia   Le tegn¨e

 

Per molti il fondale del Mare Adriatico è una distesa sabbiosa, piatta e monotona, che può ricordare il suolo di un deserto. Ma non molti sanno che proprio poche miglia al largo di Chioggia si trovano le Tegnùe, conformazioni rocciose assolutamente uniche per la struttura e per gli organismi che le abitano. La presenza di queste "scogliere sommerse" era nota già nel 1700, al tempo dell'abate Giuseppe Olivi (il naturalista chioggiotto che per primo le descrisse). Il termine "Tegnùe" deriva proprio dal dialetto locale e significa 'trattenute' e veniva usato dai pescatori per indicare la presenza di queste rocce su cui si impigliavano le reti. Tali strutture sono distribuite principalmente di fronte alle coste del Nord Adriatico, ma è proprio davanti al litorale della città di Chioggia che si trova il complesso di Tegnùe più ampio e importante, in cui sono presenti i raggruppamenti più grandi fino ad ora rinvenuti. La loro origine al momento rimane in parte incerta e oggetto di studio, ma certamente un grosso apporto alla loro formazione è dovuto ad alghe calcaree e invertebrati biocostruttori come i coralli. Per questa ragione le Tegnùe di Chioggia vengono spesso chiamate 'le barriere coralline adriatiche'.

E come le barriere coralline presenti nei mari tropicali, anche le Tegnùe sono un ambiente ricco di vita e biodiversità, caratterizzate da rocce estremamente irregolari, ricche di anfratti, di gallerie e di cavità, usate da moltissimi organismi come riparo, rifugio o nursery. I subacquei che s'immergono per visitare le Tegnùe restano sorpresi per l'enorme biodiversità presente, caratterizzata da organismi animali e vegetali sessili (non in grado di spostarsi) e incrostanti, appariscenti per forme e colori, quali, ad esempio, spugne, anemoni, ascidie coloniali, e di numerose specie di pesci. Per tutte queste caratteristiche e per ciò che rappresentano per il nostro mare Adriatico, le Tegnùe possono essere considerate delle vere e proprie oasi di biodiversità in mezzo ad una distesa sabbiosa apparentemente povera di organismi.

Al fine di proteggere questo delicato ambiente il Consiglio Comunale di Chioggia il 14 settembre del 2000 approvò la proposta di istituire un'area protetta per le Tegnùe di Chioggia e ne presentò richiesta al Governo. Il 5 agosto 2002 l'area fu quindi dichiarata "Zona di Tutela Biologica" (ZTB) con Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (G.U. n. 193 del 19-8-2002) che impose il divieto di qualsiasi attività di pesca.

Dal 2002 ad oggi, grazie alla Regione Veneto, al Comune di Chioggia, all'Associazione " Tegnue di Chioggia-onlus"coadiuvata da club subacquei della zona, all'ISPRA (sede di Chioggia), al CNR-ISMAR di Venezia e di Bologna, all'Università di Padova, molte sono state le iniziative messe in atto per garantire la protezione, il controllo, la conoscenza e la corretta fruizione dell'area da parte dei sub, come la posa di 12 boe luminose in corrispondenza dei punti di immersione più interessanti, attività di divulgazione ed educazione ambientale alle scuole, ai club subacquei e ai cittadini interessati, campagne di ricerca scientifica per aumentare le conoscenze sia sull'ambiente delle Tegnùe che sulle diverse forme di vita che lo popolano. Nel 2011 le Tegnùe di Chioggia sono state proposte come Sito di Importanza Comunitaria (Dgr. nr. 220 del 1 marzo 2011).

Le Tegnùe restano ad oggi un ambiente unico e peculiare del Mare Adriatico Settentrionale, ma ancora molto poco noto. Ciò che il Comune di Chioggia si ripropone di fare attraverso tutti i canali a disposizione è far conoscere il più possibile tale mondo sommerso. Solo con un'adeguata divulgazione ed educazione alla tutela e al rispetto di tale area sarà possibile garantire la salvaguardia e il mantenimento nel tempo di un ambiente così unico e raro.

Per questa ragione è stato aperto l'Ufficio di Relazione con il Pubblico (URP Tegnùe), dove personale esperto potrà fornire ogni informazione utile e rispondere ad ogni vostra curiosità su questo unico e affascinate ambiente.
L'Urp Tegnùe si trova presso il Museo civico della Laguna Sud 'San Francesco fuori le mura', Campo Marconi 1, Chioggia (VE). Tel. 0415500911, 0415534980; Fax 0415509581
Per ogni informazione visitate il sito http://tegnue.chioggia.org oppure scrivete a urptegnue@chioggia.org.