Comunicato in archivio

GEN312020
 31 gennaio 2020

Missione Unesco. Il sindaco di Chioggia: «Ora niente più alibi per risolvere il tema del Gpl a Chioggia»

MISSIONE UNESCO, IL SINDACO DI CHIOGGIA: «ORA NIENTE PIÙ ALIBI PER RISOLVERE IL TEMA DEL GPL A CHIOGGIA»

Chioggia, 31.01.2020 – Nel sopralluogo di ieri in città, i tre commissari Unesco, Bernhard Furrer, Réka Viragos, Tobia Salathé, hanno visitato il deposito di Gpl a Punta Colombi, prima della riunione tenutasi presso la sala Lampadari del Municipio, in cui si è parlato anche di Forte San Felice.

Il sindaco di Chioggia: «I commissari si sono resi conto di persona di quanto il deposito di gpl sia vicino al centro storico cittadino – spiega il sindaco Alessandro Ferro – e anche del fatto che un'opera industriale di tale entità, all'interno della laguna sud, non sia mai stata sottoposta all'Unesco come invece dispone la convenzione internazionale, né, aggiungo io, alla commissione di Salvaguardia e al Ministero dei Beni culturali. Chioggia ha delle problematiche da risolvere, la laguna va tutelata e il nostro porto deve restare commerciale e crocieristico: uno sviluppo industriale non è contemplato, né immaginabile nel nostro futuro».

Il vicesindaco e assessore all'Ambiente spiega: «Come da richiesta degli stessi commissari, invieremo a breve un dossier all'Unesco, che va ad aggiungersi alla nostra lettera del 2017 in cui segnalavamo il tema. In questo documento espliciteremo l'iter cronologico che ha permesso la presenza dell'impianto di gpl in Val Da Rio, a partire dal 2009 in cui si parlava di bunkeraggio da 1350 metri cubi di gasolio e olii minerali destinato al rifornimento dei pescherecci. Ribadiamo che non vogliamo essere estromessi dal sito patrimonio mondiale, ma anche Chioggia, che per il 33% insiste nella laguna di Venezia, va salvaguardata. Ora ci aspettiamo una presa di posizione più decisa anche da parte del Governo».

<<< ... 52535455 ... >>>

Data ultima modifica: 10-10-2018
torna all'inizio del contenuto